ISTITUTO NAZIONALE TOSTIANO - Ente Morale

 
ISTITUTO NAZIONALE TOSTIANO - Ente Morale
 

Concorso Francesco Paolo Tosti

seguici su facebook

Museo Visita Virtuale

Biblioteca

Francesco Paolo Tosti

 

Comune di Ortona

 

Regione Abruzzo

Finanziamenti DocUp
Obiettivo 2 (2000-2006)
Complemento di Programmazione (CdP):
Asse 3 - Misura 3.4 - Azione 3.4.1
Linea d'intervento:
Musei di 1 e 2 categoria.

Martedì 16 giugno 2015, ore 23:35
L'Istituto Nazionale Tostiano costituito ad Ortona (Chieti - Italia) nel 1983 con deliberazione del Consiglio Comunale, è una istituzione di impegno musicologico che si occupa statutariamente della vita e delle opere del compositore Francesco Paolo Tosti, degli altri musicisti abruzzesi e più in generale della musica vocale da camera e di altri settori della cultura musicale. Tale lavoro viene svolto attraverso il collegamento con istituzioni di cultura, editoria ed organizzazione musicale di rilevanza internazionale e con un'intensa attività musicale editoriale e discografica, l'attivazione di corsi di perfezionamento internazionali e l'organizzazione di mostre, seminari e convegni e di concorsi in Italia e all'estero.
L’Istituto Nazionale Tostiano possiede un ricco patrimonio di oggetti e documenti di notevole interesse storico ed artistico legato, oltre che alla figura di Tosti, al musicista Guido Albanese, al baritono Giuseppe De Luca, e ad altre personalità della vita musicale italiana.

L’Istituto Nazionale Tostiano, dal 2009, è riconosciuto istituto culturale di rilevanza nazionale ai sensi della L. 534/96 (DM 17/11/2009-G.U. n.294 18/12/2009)
L'Istituto Nazionale Tostiano può finalmente ritenere “nazionale” non solo per denominazione ma anche per legge dello Stato. Infatti dopo tanti anni di lavoro e di accrescimento del patrimonio l’ente ortonese, fondato nel 1983, ha ottenuto il riconoscimento di Istituzione Culturale ai sensi della Legge n.534 del 1996. Un iter assai lungo e complesso che prevede innanzitutto l’esame delle istanze da parte di una commissione nazionale formata da numerosi e qualificati tecnici per accertare che gli enti rientrino nei requisiti fissati dalla legge. Poi il passaggio del primo elenco degli enti inseribili alla Camera e al Senato per i pareri parlamentari ed infine il decreto firmato congiuntamente dal Ministro per i Beni e le Attività Culturali (Bondi) e dal Ministro dell’Economia e delle Finanze (Tremonti). L’Istituto Nazionale Tostiano di Ortona è stato quindi inserito nella tabella triennale degli Istituti Culturali di rilevanza nazionale e rappresenta l’unico caso assoluto per l’Abruzzo. Va sottolineato che la decisione è stata motivata dalla rispondenza dell’ente a precisi criteri dettati della legge citata e cioè: -svolgere in modo continuativo attività di ricerca e di elaborazione culturale documentata e fruibile; -disporre di un rilevante patrimonio documentario (bibliografico, archivistico, ecc.) qualunque sia il supporto utilizzato, fruibile in forma continuativa; -fornire servizi di rilevante e accertato valore culturale; -sviluppare attività di catalogazione e applicazioni informatiche; -organizzare convegni, mostre ed altre manifestazioni di valore scientifico e culturale; -diffondere i risultati delle ricerche a livello nazionale ed internazionale; -esercitare attività editoriale e di promozione di pubblicazioni; -disporre di sede ed attrezzature adeguate. Come evidenzia il dossier parlamentare sulla legge: “Peculiare significato è stato attribuito alla ricerca scientifica e alla capacità degli istituti di diffonderne i risultati a livello nazionale ed internazionale. Di conseguenza, sono stati inseriti gli enti caratterizzati da elevato valore culturale e scientifico e da effettiva rilevanza sul piano nazionale ed internazionale...” (cfr. http:documenti.camera.it/Leg16/Dossier/Testi/CU0135.htm). Delle 269 domande pervenute al Ministero sono stati inseriti solo 121 istituti tra i più prestigiosi in Italia. Citiamo tra questi: l’Accademia della Crusca, l’Accademia dei Georgofili, la Fondazione Spadolini, la Fondazione Gramsci, la Fondazione Turati, la Fondazione Collodi, il Gabinetto Scientifico Letterario G.P. Viesseux, la Fondazione Ansaldo, la Fondazione Feltrinelli, l’Accademia Pontaniana, la Fondazione Marconi, il Centro Nazionale di Studi Leopardiani, l’Accademia Nazionale di San Luca, l’Istituto Luigi Sturzo, ecc.). Gli istituti musicali riconosciuti sono solo 8: l’Istituto Nazionale Tostiano, l’Istituto Nazionale di Studi Verdiani, la Fondazione Gioachino Rossini, la Fondazione Accademia Nazionale di Santa Cecilia, la Fondazione Accademia Musicale Chigiana, la Fondazione Valentino Bucchi, la Fondazione Giorgio Cini, la Fondazione Ugo e Olga Levi. L’Istituto ha quindi vinto una sfida importante perché il suo Statuto (pensato da Francesco Sanvitale nel lontano 1983), aveva già delineato la prospettiva delle attività rivolte soprattutto al patrimonio che oggi è realtà conclamata. Ricordiamo infatti che l’Istituto, oltre all’attività artistico-musicali, la produzione scientifica e di formazione, ha una biblioteca, aperta tutti i giorni, che possiede circa quindicimila documenti musicali e quattro archivi di notevole interesse storico: Francesco Paolo Tosti, Giuseppe De Luca, Guido Albanese, Giovanni Martinelli ed un museo molto visitato. L’Istituto Tostiano ha un proprio sito istituzionale: www.istitutonazionaletostiano.org. La biblioteca ha aderito al Polo SBN di Teramo - Pescara e pertanto i suoi documenti sono accessibili all’indirizzo: http://213.225.206.138/easyweb/w2031/index.php?scelta=campi& Invece, http://www.istitutonazionaletostiano.org/IT/Biblioteca.asp è l’indirizzo di accesso del catalogo della biblioteca, consultabile anche dal Metaopac Azalai Italiano all’indirizzo http://www.aib.it/aib/opac/mai2.htm3 Tanti anni di sforzi e di investimenti sul patrimonio e sulle risorse umane, con i contributi degli enti pubblici si sono tradotti in una realtà culturale al servizio della comunità degli studiosi e del territorio. L’Istituto Nazionale Tostiano, che lo Stato ha riconosciuto quale istituto culturale, è una dimostrazione evidente che i pubblici contributi dati alla cultura non sono solo una spesa ma una grande risorsa.

news
20 gennaio 2014 - Attività gennaio-maggio 2014 INT

ISTITUTO NAZIONALE TOSTIANO
31° Anno di Attività


Si apre domenica 26 gennaio il 31° anno di attività dell’Istituto Naz... segue

13 febbraio 2014 - 2° Concorso Musicale
riservato agli studenti delle SMIM e dei Licei Musicali
Il mese di aprile sarà, come di consueto, dedicato alla celebrazione di F.P. T... segue

13 febbraio 2014 - 2° Concorso Musicale
riservato agli studenti delle SMIM e dei Licei Musicali
Il mese di aprile sarà, come di consueto, dedicato alla celebrazione di F.P. T... segue

13 febbraio 2014 - 2° Concorso Musicale
riservato agli studenti delle SMIM e dei Licei Musicali
Il mese di aprile sarà, come di consueto, dedicato alla celebrazione di F.P. T... segue

4 settembre 2014 - Corso di interpretazione vocale M° Renato Bruson
Si comunica che purtroppo, per problemi organizzativi, il corso di perfezionamento del M° Bruson è stato rinviato a marzo 2015, in data da defi... segue

14 giugno 2015 - Per Francesco Sanvitale
COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE
Il Presidente dell’Istituto Nazionale Tostiano e il Sindaco di Ortona comunicano che in data 14 giugno 201... segue

TORNA ALL'INIZIO DELLA PAGINA    

ISTITUTO NAZIONALE TOSTIANO - Istituto culturale di rilevanza nazionale ai sensi della L. 534/96 (D. M. 17.11.2009)
Corso Matteotti - Palazzo Corvo 66026 Ortona (CH) - Tel. 085 9066310 - Fax 085 9065099